Un amico chiamato ESPeranza

 

 

La donna lasciò cadere le chiavi della macchina raccogliendole nervosamente e trafficando per aprire la porta. Si infilò dietro al volante e cominciò a piangere. Finalmente sapeva. Dopo anni passati a sentirsi strana, viaggiando su una linea diversa dagli altri, creando e rompendo legami con persone meravigliose e perse, finalmente sapeva.

Aveva parlato con un gentile dottore, più o meno della sua età, ma non importava, era competente e dopo aver parlato con lui, lui le aveva dato un perché. Perché pensava di poter volare ed il giorno dopo era in fondo ad un mare nero oleoso che la soffocava. Perché un giorno amava tutto e tutti e poi bastava un niente per far crescere il disprezzo.

Il dottore le aveva spiegato il perché dei suoi comportamenti, dei suoi sentimenti. Le aveva detto che probabilmente aveva un disturbo chiamato bipolare, le aveva dato delle medicine e le aveva presentato una persona che aveva fatto il suo stesso cammino e che la poteva aiutare nel suo nuovo percorso, una speranza, una speranza chiamata ESP.

A.C.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.