Trento: Un’esperienza bellissima

Trento: Un’esperienza bellissima

La settimana scorsa ho passato tre belle giornate all’incontro di Parole ritrovate a Trento. Per me era la prima volta ed è stato un piacevole incontro con una realtà forte. La cosa che mi è piaciuta di più è stata la ricchezza del contenuto portato soprattutto da parte degli utenti.

Ogni giorno aveva un tema diverso. Io li ho chiamati con l’atmosfera che si respirava.

Giovedì: Il giorno dei coraggiosi.

Il convegno è partito alla grande con una vivace partecipazione di utenti, pronti a raccontare le loro storie e le loro esperienze, spesso difficili, sul palco. Vedere queste persone mettersi in gioco, provare ad esprimersi davanti a centinaia di persone è stata un’ inspirazione.

Venerdì: Celebriamo i nostri successi.

Venerdì mattina è stata la sfilata delle associazioni di volontariato legate a Parole ritrovate ed al fare assieme. Il fare assieme è uno dei concetti di base di Parole Ritrovate e consiste in creare attività che ridiano agli utenti la voglia di fare in compagnia di famigliari , operatori, e chiunque abbia voglia di partecipare come per esempio teatro, cori, orti, camminate, e passeggiate. La varietà di esperienze è stata molto interessante. La mattinata si è conclusa con un collegamento con gli amici giapponesi della casa editrice Laguna, gestita completamente da utenti. Quello che abbiamo trovato più bello è stata la schiettezza degli utenti nel parlare dei loro problemi, in un paese dove ci sono ancora 330,000 ricoverati in manicomio. A Lucia e a me è venuta voglia di creare una casa editrice anche a Modena.

Venerdì pomeriggio è stato il momento del Giro d’Italia. Il Giro d’Italia è stato il grande progetto di Parole Ritrovate per il 2017: una ventina di realtà sparse su tutta Italia hanno organizzato giornate per celebrare Parole ritrovate, con passeggiate, incontri ed altri momenti allo scopo di sensibilizzare la popolazione. Grandissime giornate. Quando è stato il momento di Parma e Modena siamo intervenuti anche Lucia, Gilberto, Amel, ed io, io a parlare degli ESP, Lucia a parlare dell’agenda2018, e Gilberto con un bell’intervento sullo stigma. Amel ha parlato della sua esperienza.

Sabato abbiamo chiuso con la mattina degli arrabbiati.

Per gli ultimi quattro anni un grande progetto di Parole Ritrovate, assieme al deputato Casati, è stato di promuovere una legge popolare, che aggiorni la legge 180 (legge Basaglia) usando le esperienze degli ultimi 50 anni. Il problema è che con la fine della legislatura la legge viene rimandata alle calende greche. Le persone che hanno lavorato a raccogliere firme e a pubblicizzare la legge non erano molto contente.

A mezzogiorno provati ma felici, siamo tornati a casa.

Per me è stata un’esperienza bellissima e invito tutti a partecipare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.