Ragazzi in “azione” nella nostra associazione

Per due settimane abbiamo accolto alcuni studenti dell’Istituto Fermi di Modena, nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro.

In questi giorni i ragazzi sono stati impegnati nei vari progetti dell’associazione e anche nel Social Point ad esempio con RadioLiberamente. Da tempo l’associazione, con la collaborazione del CSV e delle varie scuole di Modena, accoglie i giovani per il progetto alternanza scuola-lavoro. L’accoglienza viene fatta il lunedì mattina per spiegare loro cosa fa l’associazione e su cosa ci si aspetta da loro nei giorni che passeranno con noi e in quali attività saranno impegnati .

Nelle varie attività svolte, al momento dell’accoglienza, i ragazzi erano incuriositi da un mondo che non conoscevano facendo domande per approfondire meglio le tematiche che si affrontavano. Nelle due settimane in cui sono stati partecipi hanno fatto con noi la redazione, radio, ufficio mani sporche e sono stati con noi per l’incontro conil dr. Tibaldi. Per la radio hanno registrato varie trasmissioni parlando per la prima volta con un microfono, mostrandosi a loro agio nel ruolo da speaker interessandosi anche alle strumentazioni che Radioliberamente utilizza per andare in onda.

Nella redazione si sono cimentati su come poter postare un post e su come veniva programmato, hanno avuto molto interesse anche nel guardare i blog dell’associazione leggendo la storia e le varie iniziative che sono state proposte nel corso degli anni.

Per U.M.S. gli studenti hanno dato il loro contributo per lo spazio nuovo entrando nel mondo dei ” pallets”, scartavetrando insieme al gruppo di ufficio mani sporche. Oltre alle attività più labotratoriali hanno partecipato anche a riunioni specifiche sulla salute mentale, come ad esempio il martedì all’incontro con dr. Tibaldi e sabato alla riunione ESP.

Le nostre personali sensazioni sono state che da parte loro c’era gran interesse di approfondire questa realtà a loro sconosciuta, anche divertendosi nelle varie iniziative che venivano svolte. Speriamo di aver instaurato con loro un buon rapporto e di  continuare con questo progetto di accoglienza dei giovani per raccontare loro di una salute mentale viva ed attiva nel e per il territorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.