Alternanza scuola-lavoro: il punto di vista di due studentesse

La testimonianza di Romina

Sono Romina, ho sedici anni e vado in terza superiore. Frequento l’istituto tecnico Enrico Fermi di Modena con indirizzo chimico. Questo è il primo anno che faccio alternanza e subito mi sarei aspettata una cosa diversa, ovvero che dovessi andare a lavorare con le aziende, per il fatto che fosse un progetto collegato al mio indirizzo scolastico, ma in realtà in assemblea scolastica ho scoperto che avrei passato le mie prossime due settimane a fare volontariato. Tra le varie opzioni ho scelto le realtà: Social Point e Idee in circolo, per il fatto che non avevo mai collaborato in un ente riguardante la salute mentale. Il primo giorno è stato abbastanza stressante, per il fatto che era tutto nuovo e non sapevo come funzionassero queste due realtà. Mi hanno spiegato la maggior parte delle cose che si fanno il primo giorno e tornando a casa avevo capito meno del nulla: mi ero un po’ preoccupata perché avevo paura che non avrei fatto nulla per entrambe le settimane, ma, come dice il proverbio, “non si giudica un libro dalla copertina”.

I giorni successivi sono stati molto più interessanti, soprattutto mercoledì e giovedì, giorni in cui ho parlato alla radio. Mi sono divertita ma per lo più è stata un’occasione molto utile per me stessa, essendo una ragazza molto timida sono riuscita ad esprimere le mie opinioni senza essere giudicata dagli altri.

Ho partecipato anche a delle riunioni che mi hanno fatto comprendere di più le due realtà e la cosa che mi è piaciuta di più è che a queste riunioni partecipano anche gli utenti dell’associazione ed è una cosa molto positiva, soprattutto per gli utenti che possono proporre le loro idee. Ci sono anche tanti altri progetti come per esempio sartoria, dove, insieme agli utenti si fanno lavoretti a mano; c’è il progetto Maddalene Matte riguardante il teatro e tanti altri progetti che devo ancora scoprire perché ho fatto per ora solo una settimana. Sono molto contenta di aver scelto queste realtà e lo consiglio ai prossimi ragazzi che verranno a fare l’alternanza. Si tratta di un’associazione che si impegna veramente ad aiutare gli utenti che ne fanno parte ma anche quelli che si trovano al di fuori di questo contesto. Ci sono persone meravigliose che si impegnano a mandare avanti questa associazione e vi sorprenderete di quanto sia bello dare una mano per migliorare il futuro di questi utenti!

La testimonianza di Lisa

Sono Lisa della classe 3°G dell’istituto Enrico Fermi.
Da circa una settimana, ho iniziato il progetto scolastico di “alternanza scuola-lavoro”, presso le realtà: “Idee in circolo” e “Social Point”. L’alternanza scuola-lavoro nel terzo settore serve per imparare a relazionarsi con le persone, a lavorare in gruppo e ad imparare a chiedere spiegazioni. In sostanza, si può dire che questo progetto sia un approccio al mondo del lavoro dal punto di vista sociale.

Le realtà “Idee in circolo” e “Social Point” si trovano a Modena, rispettivamente, in viale IV novembre 40/b e via cittadella 30, ma, operano anche su una gran parte della provincia.
Queste realtà si occupano di salute mentale, organizzano attività di vario genere, guidate da operatori, utenti e volontari che si attivano per coinvolgere una vasta gamma di cittadini. Questo, per rendere il quartiere un luogo più attivo. Inoltre, queste attività hanno lo scopo di favorirne l’integrazione tra di loro.

Dopo questo piccolo preambolo, racconterò l’accoglienza ricevuta il primo giorno che sono arrivata. Lunedì è stata una giornata davvero faticosa. Iniziando subito con sette ore, essendo appena arrivata, non ho potuto fare nient’altro che ascoltare.
Mi sono ritrovata in una situazione di notevole disagio temendo di passare i restanti giorni con le mani in mano. Martedì ho cominciato a capire cosa osservare e come comportarmi.
Mercoledì invece ho incominciato a rivalutare il tutto, grazie al progetto radio che viene svolto al Vibra. Essendo una vera e propria stazione radio, utenti e cittadini possono parlare, raccontare e fantasticare su tutti gli argomenti che vogliono. Devo ammettere che come progetto è stato molto interessante. Tutti i martedì l’argomento principale è il rock, cosa che mi ha incuriosita e interessata maggiormente.

I progetti svolti successivamente sono stati altrettanto appassionanti e coinvolgenti , come ufficio mani sporche e sartoria , il primo è stato veramente emozionante. L’operatore che se ne occupava, trasmetteva un enorme quantità di energia positiva, come del resto la maggior parte degli utenti! Il secondo progetto è stato altrettanto interessante: si creano fiori di stoffa, sciarpe e cappelli e si passa dal cucito al lavorare a maglia. Se invece piace la recitazione, ci sono le Maddalene Matte, un laboratorio teatrale dove ognuno può essere se stesso.

Alla fine di questa settimana, ho appreso che le vite di un operatore e di un utente sono davvero molto movimentate.
I progetti sono numerosi e alquanto interessanti. Gli utenti sono tutte persone davvero particolari, simpatiche ed affettuose.
A parte l’inizio un pò burrascoso, questa settimana si è rivelata davvero interessante.
Spero che la seconda sarà altrettanto notevole come questa, se non di più!



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.