Trento, 20°Convegno Nazionale de “Le Parole Ritrovate”

 

Anche quest’anno l’Associazione Idee In Circolo, seppur con una rappresentanza minima viste le innumerevole iniziative che proponeva il territorio di Modena, ha risposto ” PRESENTE ” al Convegno Nazionale delle Parole Ritrovate nella cornice affascinante ed accogliente di Trento.

Quest’anno si celebrava il 20° anno dove Le Parole Ritrovate sono nate per fare incontrare utenti e operatori di servizi di salute mentale, associazioni, familiari e cittadini. E’ stato creato per credere nel valore del ‘fareassieme’, nella valorizzazione dell’esperienza e del sapere di ciascuno, nella costruzione di percorsi di salute mentale che appartengono a tutti. Purtroppo la malattia mentale può dividere ma ha di bello che può unire, può fare sentire profondamente soli, può dare occasione e motivo di valorizzare la radice profondamente umana presente in ogni esistenza, sana o sofferente che sia. Le Parole ritrovate danno voce e protagonismo a chi non li ha mai avuti e a chi li ha persi, serve a coinvolgere e a lasciarci coinvolgere da reti allargate di persone, di intelligenze, di sentimenti.
E’ un incontro dove si può sperare nel cambiamento sempre possibile, non ci si sofferma solo sul problema ma anche sulla risorsa, si da valore e significato a ciascuno, credendo che assumersi responsabilità sia la strada migliore per crescere assieme con l’importanza che il fare è bello. Il disagio ritrova posto e dignità nel quotidiano di tutti noi, in una comunità dove ogni persona è un po’ più responsabile per tutti.

Sul palco si alternava chiunque avesse avuto a che fare direttamente o tramite esperienze nel mondo della salute mentale, nel pomeriggio anche noi come Associazione siamo saliti raccontando quello che Parole Ritrovate ha suscito fin dal primo istante, dall’avvenuta scoperta di questo movimento fino ad oggi , su come si opera nella nostra città e provincia portando i contributi nelle varie realtà senza la paura dello stigma e dei timori di avere quell’etichetta che ci viene data da chi non ci conosce.

C’è un clima amicale dove ognuno portava il suo bagaglio di vissuto oppure la propria esperienza con ricche emozioni, parole, paure e timori, progetti per il futuro. L’ascolto delle storie trasmettevano commozione oppure entusiasmo, non sono mancati racconti dove le ferite erano ancora aperte con l’aspettativa di trovare la strada per uscire dal tunnel. E’ una giornata nella quale si esce sollevati perché si tocca con mano quante cose belle e positive è possibile fareassieme, un momento di condivisione nel dare la parola a chi non l’ha avuta fino a quel momento ma soprattutto si tratta di ritrovare assieme le parole…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.