“Una città silenziosa”

 

E adesso parliamo noi dalla reclusione

 

“Una città silenziosa”

A fine Gennaio tutto è cominciato.

Ho avuto subito tanta paura.

Un’emergenza che ha colpito tutto il mondo.

Abito in centro storico

e tutte le serrande si sono chiuse.

Per caso ho telefonato a mio cognato Renzo,

anche lui molto spaventato.

La città si è chiusa.

Non ho mai visto niente di tutto questo:

una città silenziosa.

Abito sola e percepisco un vero e proprio vuoto.

Riesco a concedermi qualche momento sotto casa per respirare un pò d’aria.

Faccio la spesa e cerco di attenermi alle regole anche se è difficile.

E ancor di più non poter avvicinarsi alle persone, non poter abbracciarsi.

Spero presto di Ricominciare!

Elena Giorgiucci

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.