Chaos;Child

Introduzione:

Benvenuti alla nostra rubrica sulle visual novel dove io e il mio amico Libby tratteremo questa tipologia di giochi partendo dalla trama fino ad arrivare ad una nostra opinione in merito. Se volete sapere in maniera approfondita che cos’è una visual novel vi consiglio di leggere il nostro articolo al riguardo.

Iniziamo oggi la nostra rubrica sulle visual novel con un titolo facente parte della cosiddetta “Science Adventure Series” o “SciAdv” Chaos; Child.

Trama:

Sei anni dopo un violentissimo terremoto avvenuto a Shibuya, Takuru Miyashiro e i membri del club di giornalismo indagano su una serie di omicidi che sembrano correlati ad altri avvenuti sei anni fa. Allo stesso tempo un gruppo di esper, chiamati Gigalomaniac, col potere di far diventare le loro fantasie reali si risvegliano misteriosamente.

La mia opinione:

Il gioco sembra pieno di eventi filler ossia riempitivi soprattutto nei momenti di scelta del protagonista e lo sviluppo di quest’ultimo mi sembra molto così così perchè all’interno del gioco questi momenti fanno capire meglio i personaggi, in altri sono principalmente eventi ricchi di fanservice inutile ai fini della trama.

Sono filler perchè, nonostante le scelte di gioco siano necessarie a sbloccare i vari finali, il contenuto degli eventi in se è pieno di fanservice che difficilmente fa capire al giocatore l’andamento della trama stessa.

Il character design è molto buono e le CG in moltissime parti di gioco lasciano il giocatore col fiato sospeso e quelle legate puramente al fanservice non sono da meno.

Le musiche sono molto buone e azzeccate per i momenti salienti della trama oltre che a quelli divertenti e la opening mi è abbastanza piaciuta.

I finali li ho trovati molto belli, anche se uno l’ho trovato inutile e un altro non l’ho capito (sarò ignorante io ma sinceramente non ho capito il nesso logico dei due finali).

In conclusione consiglio questo gioco a un pubblico amante degli anime, essendo che da questa visual novel è stato tratto anche un anime, e agli amanti dello sci-fi ricordando che bisognerebbe prima giocare a Chaos; Head per fare chiarezza su alcuni punti della trama. Ricordo inoltre che questo gioco è disponibile solo in inglese e difficilmente si trovano traduzioni amatoriali in italiano.

Spero che possiate godere appieno di questo gioco e alla prossima recensione dove tratteremo della kinetic novel della Key “Planetarian: The Reverie of a little Planet”.

 

https://chaoschild2.fandom.com/wiki/Chaos;Child_Visual_Novel

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.