Università: conversazione con gli psichiatri del futuro

Lunedì scorso assieme a Davide e Alessandro sono andata a parlare  agli studenti di Medicina all’Università UNIMORE. Erano studenti del Quinto anno, anno delicato perchè i ragazzi devono cominciare a pensare alla loro specializzazione. Speriamo di non aver spaventato nessuno!

Ci eravamo  divisi i compiti tra di noi:Io dovevo parlare del corso ESP, Davide dell’Associazione Idee in Circolo e Alessandro ha portato l’esperienza del suo primo TSO.

Ha cominciato Alessandro che ha portato un’esperienza molto intima, grazie a lui per avere condiviso.  Ha iniziato con una domanda provocatrice : Se voi vi trovaste davanti un paziente con psicosi, con illusioni di essere un principe, un dio, o un eroe e contento delle sue illusioni, voi lo lascereste nella sua beata illusione o cerchereste di fargli avere coscienza della sua malattia?Alessandro ha detto che, per lui, è stato traumatico e che in alcuni momenti avrebbe preferito ritrovarsi o rimanere nel suo mondo. Ha poi condiviso una sua poesia, scritta nel delirio, molto particolare che mi ha colpito molto, soprattutto in vista della sua provocazione.

Davide ed io ci siamo infilati tra le parole di Alessandro, portando la nostra esperienza, soprattutto in riguardo agli ESP. Un momento di confronto positivo tra noi relatori è stato sul ruolo degli Esperti del Supporto tra Pari nella società.

Gli studenti si sono sentiti stimolati dalla domanda ed hanno fornito delle risposte diverse: alcuni hanno insitito sulla necessità per l’Utente di prendere coscienza, altri hanno scelto di lasciare il paziente nel suo mondo, ed infine ci sono stati quelli che hanno suggerito una presa di coscienza graduale.

Tutto sommato è stata un’ esperienza piacevole, stimolante per noi, e, speriamo, anche per gli studenti.

A.C.

Collaborazione con l’università

La collaborazione con l’università di Modena e Reggio è iniziata qualche anno fa, quando ci hanno invitato alla facoltà di medicina a proporci in alcune lezioni del corso di TRP, Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica.

ci hanno e ci chiedono interventi su chi siamo, su cosa facciamo come Associazione e sono incuriositi dal nostro vissuto di “matti”.  Gli studenti si mostrano sempre molto interessati sia all’Associazione che a noi, alle nostre storie …

Quelli che hanno avuto solo esperienza di Diagnosi e cura, sono rimasti molto sorpresi di come un “paziente” possa riprendersi in mano la sua vita e diventare cittadino attivo nonostante la malattia.

Questi studenti hanno visto solo pazienti in crisi e sono sbigottiti nel vedere come ci si possa “riprendere” dopo un lungo percorso volto all’Empawermant e alla Recovery.

 

 

Per noi è un’occasione fondamentale per creare conoscenza, per sensibilizzare, per allargare le visioni di chi nel futuro sarà nei luoghi della Salute Mentale … la formazione è un anello fondamentale per agire la trasformazione che noi vorremo vedere  …